TEATRO TOTÒ CASILLO: «IL MIO CAVIALE E LENTICCHIE UN OMAGGIO A NINO TARANTO»
Ferdinando Cafiero si atteggia a filosofo e artista ma in realtà è un imbroglione che si imbuca alle feste della buona società per rubacchiare cibi e bevande e poi rivenderle a ristoranti e trattorie. Fino a che arriva a spacciarsi per commendatore così da convincere dei ricchi aristocratici a fare donazioni per una famiglia bisognosa, ovviamente la sua. Ma qui che cominciano i guai.  È l'incipit di «Caviale e lenticchie», uno dei titoli più celebri di Giulio Scarnicci e Renzo Tarabusi, entrambi fiorentini, brillanti autori di riviste e di spettacoli teatrali, oltre che televisivi, attivissimi negli anni '50-'60. Basti pensare a «Un,due, tre», show tv con Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello che ha fatto epoca. Ora «Caviale e lenticchie» torna sul palco da stasera a domenica 27novembre al Teatro Totò, con Benedetto Casillo regista e protagonista,oltre che autore di una riduzione teatrale che si rifà a quella di Nino Taranto. Con lui una compagnia di 14 attori, tra cui spiccano i fedelissimi Patrizia Capuano, Angelo Murano, Gennaro Morrone. 
Per lei Casillo, Ferdinando Cafiero è quasi un alter ego? 
«Questo titolo l'ho portato in scena nel 1999 e nel 2009,e ora lo ripropongo a grande richiesta a Napoli e in tutto il sud, oltre che al Parioli di Roma a marzo prossimo. Nonostante non fossero napoletani, Scarnicci e Tarabusi avevano un humus tipicamente partenopeo e di ciò si accorse il grande Nino Taranto, di cui quest’anno ricorre il trentennale della morte e a cui quindi dedichiamo questo lavoro. Lui lo rielaborò nel suo stile e ne fece un capolavoro comico partenopeo. Io ho lavorato a quella versione per trarne una mia, in cui ho inserito una serie di citazioni, dal "Musichiere" di Mario Riva a "Lascia o raddoppia"». 
Ci sono echi di «Miseria e nobiltà»? 
«Ci sono i ricchi e i poverissimi, quindi il tema torna. Ma c’è anche un presunto omicidio, con il morto che si risveglia di notte e che trasforma il lavoro in un thriller comico. Insomma, dopo le belle esperienze accanto a Pierpaolo Sepe, alle prese con Beckett, Ruccello, Eduardo, torno alla mia vecchia, cara, commedia di tradizione». 
A Natale intanto si rivedranno «Razzullo e Sarchiapone»? 
«Faremo 5 repliche al Delle Palme, dopo il successo dell'anno scorso. È una Cantata dei pastori riveduta e corretta, con band dal vivo sul palco capitanata da Carlo Faiello e questa strana coppia formata da me e Giovanni Mauriello». 
E il cinema? 
« A marzo uscirà il primo film di Simone Schettino, "Made in China...napoletano", in cui un gruppo di amici si inventa un contrabbando di prodotti napoletani doc». 
E la sua idea di portare a teatro il mitico «Così parlo Bellavista»? 
«C'è sempre, anzi diciamo che oggi è molto più concreta. Ma presto se ne saprà di più».

Stefano Prestisimone  -  Il Mattino

 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
dal 25 dicembre 2020   Napoli
EXTRA FELICITA' TOUR - ALESSANDRO SIANI
Il nuovo grandissimo e divertentissimo spettacolo di Alessandro Siani al teatro Diana di Napoli per Natale 2020. Acquista già il tuo biglietto per non perderti l'opportunità di assistere ad un divertentissimo spettacolo!!
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
  Napoli
Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore
Gli scavi archeologici de "La Neapolis Sotterrata" si trovono all'interno del Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore, nel cuore del centro storico di Napoli in Via dei Tribunali, 316 adiacente Piazza San Gaetano e San Gregorio Armeno.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 1 marzo 2018   Napoli
Visita al Consevatorio S. Pietro a Majella
Il Conservatorio S.Pietro a Majella è un istituto superiore di studi musicali fondato nel 1808. È situato nell'ex Convento dei Celestini annesso alla chiesa di S. Pietro a Majella sorta sulle rovine di due chiesette duecentesche all'estremità del decumano maggiore. 
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA