PARTE IL NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA - 54 SPETTACOLI E LOCATION MOZZAFIATO
Cinquantaquattro spettacoli provenienti da 18 Paesi, centocinquanta aperture di sipario, diciotto comuni della regione coinvolti, a Napoli occupati spazi diversi da Donnaregina alla darsena Acton, dal San Carlo alle sale storiche cittadine, da Mercadante a Bellini, Diana, Augusteo. S'apre domani con l'anteprima dedicata a Eduardo De Filippo sull'isolotto di Nisida tra i ragazzi reclusi, la lettura della “Tempesta” di Shakespeare tradotta in napoletano dal drammaturgo e la voce di Michele Placido, il Napoli Teatro Festival Italia, alla sua nona edizione.

Per la prima volta a dirigerlo è Franco Dragone, regista cult di spettacoli del Cirque du Soleil e Cèline Dion, qui alle prese con un mese di eventi fino al 15 luglio per una rassegna che punta sui linguaggi dell'arte e le sue contaminazioni nel segno dei migranti. “Perché anch'io sono stato un migrante e il teatro mi ha salvato”, ricorda Dragone nato a Cairano (Avellino), il padre lavoratore in una miniera in Belgio, esordi nel teatro sociale tra giovani a rischio e carcerati. Un teatro che si ritrova nelle proposte del cartellone, a partire da uno dei primi appuntamenti, “Aspettando il tempo che passa (e mentre nuje ce facimmo viecchie)” nato da un laboratorio con i detenuti di Airola che hanno contribuito alla scrittura del testo, in scena il 15 e 16 giugno al Nuovo per la regia di Emanuela Giordano.

Non ci sarà il tanto atteso e contestato Al Pacino, ma sono tanti i big. Dal regista Jaco Von Dormael che apre mercoledì con “Kiss&cry” in cui a danzare sono le dita di una mano, a Robert Lepage, Joel Pommerat, William Kentridge, Peter Sellars, le sorelle pianiste Labeque, l'étoile ucraina Svetlana Zacharova, Shiro Takatani, Shrin Neshat e Fokin che mette in scena "Le Troiane" nel magico anfiteatro sul mare del parco archeologico di Pausilypon. Senza dimenticare personaggi come Emma Dante o Ascanio Celestini e puntando sull'humus sul quale il festival si alimenta, le realtà napoletane. Dai Foja in un inedito concerto by night al San Carlo a Carlo Cerciello, Laura Angiulli, le giovani Donatella Furino e Emma Campili responsabili di un format innovativo collegato con la rete che prevede uno spettacolo diverso e scambi di attori ogni sera a Villa Pignatelli, nuovo fulcro della rassegna dov'è aperta anche la biglietteria.

Nel video due anteprime dello spettacolo della videoartista iraniana Shirin Neshat, autrice a Napoli di una installazione nella metro di Toledo/Montecalvario, al festival con «Passage Through The World», si tratta delle voci del gruppo salentino delle Faraualla e il canto del musicista iraniano Moshen Namjoo.

Fonte: Il Mattino

 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
INGRESSO EDENLANDIA   Napoli
Edenlandia
L'attesa è finita! La storia, la magia e il divertimento tornano in città con Edenlandia.    
Torna più bello che mai, il primo parco europeo a tema, nato nel lontano 1965, situato nel cuore della Sirena Partenope, che vanta generazioni e generazioni cresciute a sane risate e a calde e zuccherose graffe.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
26 SETTEMBRE   Napoli
#FOODISTRIBUTION - EDEN

Quando eravamo edera

UN PROGETTO DI MANOVALANZA
A CURA DI DAVIDE SCOGNAMIGLIO, DANIELE CIPRÌ
CON GLI ABITANTI DEL RIONE DE GASPERI, PONTICELLI

Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
27 settembre   Ercolano
Marco Zurzolo - Banda MVM
Bandita Bagnoli
MARCO ZURZOLO (sassofono, arpina e voce), ALESSANDRO TEDESCO (trombone e direzione e arrangiamenti), MASSIMO CASTAGNINI (sax tenore), GIUSEPPE GIROFFI (sax baritono), GABRIELLA GROSSI (sax baritono), MATTEO FRANZA (tromba), NICOLA COPPOLA (tromba), ANGELO CIOFFI (tromba), ANGELO FUNARO (basso tuba), ANTONIO MAMBELLI (percussioni), VITTORIO RIVA (percussioni), VINCENZO CICCARELLI (strumenti a cornici)
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA