PARTE IL NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA - 54 SPETTACOLI E LOCATION MOZZAFIATO
Cinquantaquattro spettacoli provenienti da 18 Paesi, centocinquanta aperture di sipario, diciotto comuni della regione coinvolti, a Napoli occupati spazi diversi da Donnaregina alla darsena Acton, dal San Carlo alle sale storiche cittadine, da Mercadante a Bellini, Diana, Augusteo. S'apre domani con l'anteprima dedicata a Eduardo De Filippo sull'isolotto di Nisida tra i ragazzi reclusi, la lettura della “Tempesta” di Shakespeare tradotta in napoletano dal drammaturgo e la voce di Michele Placido, il Napoli Teatro Festival Italia, alla sua nona edizione.

Per la prima volta a dirigerlo è Franco Dragone, regista cult di spettacoli del Cirque du Soleil e Cèline Dion, qui alle prese con un mese di eventi fino al 15 luglio per una rassegna che punta sui linguaggi dell'arte e le sue contaminazioni nel segno dei migranti. “Perché anch'io sono stato un migrante e il teatro mi ha salvato”, ricorda Dragone nato a Cairano (Avellino), il padre lavoratore in una miniera in Belgio, esordi nel teatro sociale tra giovani a rischio e carcerati. Un teatro che si ritrova nelle proposte del cartellone, a partire da uno dei primi appuntamenti, “Aspettando il tempo che passa (e mentre nuje ce facimmo viecchie)” nato da un laboratorio con i detenuti di Airola che hanno contribuito alla scrittura del testo, in scena il 15 e 16 giugno al Nuovo per la regia di Emanuela Giordano.

Non ci sarà il tanto atteso e contestato Al Pacino, ma sono tanti i big. Dal regista Jaco Von Dormael che apre mercoledì con “Kiss&cry” in cui a danzare sono le dita di una mano, a Robert Lepage, Joel Pommerat, William Kentridge, Peter Sellars, le sorelle pianiste Labeque, l'étoile ucraina Svetlana Zacharova, Shiro Takatani, Shrin Neshat e Fokin che mette in scena "Le Troiane" nel magico anfiteatro sul mare del parco archeologico di Pausilypon. Senza dimenticare personaggi come Emma Dante o Ascanio Celestini e puntando sull'humus sul quale il festival si alimenta, le realtà napoletane. Dai Foja in un inedito concerto by night al San Carlo a Carlo Cerciello, Laura Angiulli, le giovani Donatella Furino e Emma Campili responsabili di un format innovativo collegato con la rete che prevede uno spettacolo diverso e scambi di attori ogni sera a Villa Pignatelli, nuovo fulcro della rassegna dov'è aperta anche la biglietteria.

Nel video due anteprime dello spettacolo della videoartista iraniana Shirin Neshat, autrice a Napoli di una installazione nella metro di Toledo/Montecalvario, al festival con «Passage Through The World», si tratta delle voci del gruppo salentino delle Faraualla e il canto del musicista iraniano Moshen Namjoo.

Fonte: Il Mattino

 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
da giovedì 30 gennaio a domenica 9 febbraio   Napoli
Arezzo 29 in tre minuti
Oscar Di Maio
di Gaetano Di Maio
con la partecipazione di Alessandra Borrelli
regia Stefano Sannino
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 6 marzo   Napoli
Quadrifoglio - Valentina Stella in concerto
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
8 e 9 febbraio   Napoli
Traces
creato e eseguito da Ultima Vez-ballerini
musica Trixie Whitley e Marc Ribot
coreografia Wim Vandekeybus
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA