ALL'AUGUSTEO: «NOI, L'EREDITIERA E IL PLAYBOY IN UN DISAMORE A LIETO FINE» - CAPRIOGLIO E JANNUZZO NEL REMAKE DI «LEI È RICCA, LA SPOSO, L'AMMAZZO»
Lui è un playboy, uomo di mondo e predatore di fortune altrui che non ha mai lavorato un giorno in vita sua, lei una scienziata goffa, bruttina e imbranata con patrimonio sterminato. 
Sono i personaggi di un titolo storico, «È ricca, la sposo e l’ammazzo», una commedia scritta da Jack Ritchie che nel 1971 divenne un film hollywoodiano con Walter Matthau e Eilan May strepitosi protagonisti. 
Ora quel lavoro arriva in teatro all'Augusteo da domani nella versione di Mario Scaletta e titolo lievemente modificato («Lei è ricca, la sposo l'ammazzo») con Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio, la regia di Patrick Rossi Gastaldi e nel cast Antonella Piccolo, Claudia Bazzano, Antonio Fulfaro e Cosimo Coltraro. 
È cambiatolo scenario, trasferito in una città non ben definita del sud Italia, sono cambiati i nomi dei protagonisti, ma non lo humour nero da commedia elegante. «È un titolo forte, una commedia di successo che attrae pubblico e che ci ha dato grande soddisfazione finora– spiega Jannuzzo - è un allestimento importante, ci sono scene bellissime e anche un pizzico di tecnologia. Ovvio che Napoli e l'Augusteo rappresentino un test fondamentale nella tournèe, una città che ha il teatro nel sangue e un palcoscenico che fa parte della mia vita. 
All'Augusteo ho recitato in tante commedie di Garinei e Giovannini con il mio maestro Gino Bramieri, poi ci sono tornato da solo, e sempre con la medesima emozione. Certo il confronto con Walter Matthau è duro, ma ho cercato di distanziarmi dalla sua performance e di interpretare il protagonista secondo le mie corde. E si vedrà una Caprioglio sorprendente che riuscirà far innamorare il cinico playboy». 
La trama racconta di Orazio Pignatelli, ricco scapolo che ha scialacquato tutto il suo patrimonio, costretto a farsi prestare soldi da un mafioso a condizioni molto svantaggiose. L'unica soluzione possibile per lui, che non desidera rinunciare alla bella vita, e` riuscire a sposare una donna ricca, riservandosi di ucciderla una volta rimessosi in sesto finanziariamente. «Ma le cose andranno diversamente, perché quel finto corteggiamento e innamoramento, poi sfocerà in amore vero», commenta Debora Caprioglio, che veste i panni di Albertina. «Nel film la protagonista era un’insegnante di botanica, nella nostra versione io sono una entomologa, una studiosa degli insetti per nulla avvenente – continua l’attrice –un bel ruolo che mi dà la possibilità di esprimere doti anche da caratterista comica. Ho gli occhiali spessi due dita, sono vestita da anziana, senza il minimo sexappeal. Anche se poi nel finale riservo una piccola sorpresa al pubblico, rivelando qualità che erano molto nascoste. La coppia con Jannuzzo funziona alla grande, è una bellissima combinazione, tanto che probabilmente faremo nella prossima stagione un’altra commedia assieme». 
«Fare teatro per me resta un grande privilegio – conclude Jannuzzo - è ciò che ho sempre desiderato, fin da quando lasciai la Sicilia per frequentare la scuola di Gigi Proietti. La tv ti dà visibilità e notorietà immediata, il teatro va costruito mattoncino su mattoncino. Ma alla fine la costruzione è molto più salda e duratura».

Stefano Prestisimone  -  Il Mattino
 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
Dal 17 al 22 marzo   NAPOLI
Giacomino e mammà
tratto da Conversaciones con Mamà di Santiago Carlo Oves e Jordi Galceran
traduzione, adattamento, regia Enrico Ianniello
con Isa Danieli, Enrico Ianniello.

Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
da giovedì 30 gennaio a domenica 9 febbraio   Napoli
Arezzo 29 in tre minuti
Oscar Di Maio
di Gaetano Di Maio
con la partecipazione di Alessandra Borrelli
regia Stefano Sannino
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
Dal 12 Marzo   napoli
SIAMO TUTTI...FELICE
con SALVATORE GISONNA, CIRO ESPOSITO, FABIO BALSAMO 
di Salvatore Gisonna 
regia S.Gisonna
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA