AL TROISI DAL 9 E FINO ALL'11 APRILE VELIA MAGNO, AUTRICE E REGISTA PRESENTA: “E FIGLIE SO PIEZZE E CORE” CON ANTONIO OTTAIANO

La sceneggiata, come genere teatrale musicale popolare napoletano, è nata nel primo dopoguerra ed è stata per molti anni dimenticata fino a quando Giovanni Fiorenza, gestore del teatro 2000 la portò ad un notevole rilancio.

Ben definiti sono i canoni della sceneggiata entro cui le tematiche portate in scena sono: l'amore, il tradimento, l'onore, talvolta la malavita, sintetizzate in un trinomio: l'eroe positivo, l'eroina, l'antagonista, popolarmente  definiti: Isso, essa e 'o malamente, ai quali si affiancano: la mamma, un fanciullo generalmente figlio della coppia principale e perno intorno al quale si muovono le figure dei protagonisti   e una coppia di comici, ingrediente necessario per alleggerire i momenti  più drammatici dell’opera teatrale.

Dopo il grande  successo popolare al teatro 2000 solo dagli anni settanta  la sceneggiata varcò i confini di Napoli  per diffondersi in tutta Italia e nel mondo, quando il cantante – attore  Mario Merola ne fece molte trasposizioni cinematografiche rimaste famose.

E fu proprio negli anni settanta che l’autrice e regista Velia Magno (nella foto) portò questo genere teatrale in televisione consacrando Mario Merola come principale rappresentante della "sceneggiata napoletana".

Oggi Velia Magno affida ad Antonio Ottaiano, definito dalla critica l’indiscusso erede di Mario Merola, una lettura più moderna di questo genere teatrale pur senza tradirne i principali canoni drammaturgici.

Il titolo della sceneggiata è "E figlie so piezze e core" tratto dalla  lirica "E figlie" di Libero Bovio.

La novità di questo allestimento sta ,oltre alla estrema pulizia dell’esecuzione, nell’intervento di un narratore che è poi il personaggio sul quale si muove tutta la vicenda .E’ lui stesso infatti che muovendo le lancette di un vecchio orologio, dipana il filo della sua vita rivivendone i fatti e le situazioni in una sorta di deja  vu che consente allo spettatore di entrare nelle emozioni dei singoli personaggi.

Gli spettacoli prevedono un dibattito pubblico su questo genere ed una ricerca storica sulle sue origini.

La compagnia è composta da dodici attori scelti fra quelli della migliore tradizione partenopea.-scenografie – costumi - trucco - sarta-service.disegno luci e regia curati da Velia Magno

Sei elementi di orchestra diretti dal maestro Peppe Fiscale.

Redazione GdB

 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
24 febbraio 2020   Napoli
L'ANGELO BUGIARDO
Venti canzoni, due ore di magia musicale che stanno incantando club e teatri di tutta Europa e prestigiosi festival internazionali. Un cammino che propone brani celebri come "Anna e Marco", "Futura", "L'anno che verrà" oltre a canzoni scritte da Dalla per altri artisti e perle rare, ossia quelle meravigliose canzoni che da anni lo stesso Lucio non eseguiva più dal vivo.

Lo spettacolo è stato anticipato al 24 febbraio i biglietti già acquistati restano validi.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 1 al 3 aprile   Sant'Arpino (CE)
Lucio Pierri e Ida Rendano - Scommessa
TEATRO LENDI
Lucio Pierri e Ida Rendano
Regia Lucio Pierridi
Scritto da Lello Marangio e Lucio Pierri
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
Venerdì 27 marzo   Napoli
Il Mandolino di Beethoven
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA