AL TOTÒ: SORRENTINO E IL RACCONTO IN DUE ATTI DI UN TALENTO

Stava per toccare l’apice del suo percorso artistico, Antonio Sorrentino, quando nel 1998 morì a soli 38 anni. Un talento naturale amato da Pupella Maggio, che gli produsse vari spettacoli, e Roberto De Simone che lo volle in «Dedicato a Maria» e «L’opera dei centosedici».

Napoli non l’ha mai dimenticato, Valentina Stella ha cantato quasi ogni sera da allora il suo cavallo di battaglia «’Nu penziero», un premio ne ha ricordato la carriera capace di passare dalle tammurriate al teatro, dalla tradizione alla modernità.

 Ora, a 18 anni dalla scomparsa la sua figura è in scena al teatro Totò, dove, fino a domenica, a raccontarlo ci pensa «Io vivo dove c’è il mare», spettacolo di prosa e musica scritto da Gaetano Liguori e Massimo Abate che prende il titolo proprio da un’altra delle canzoni simboli di Sorrentino.

Protagonisti Massimo Masiello (nella foto), nel ruolo del cantattore scomparso, e Francesca Marini, che interpreta la sua amica più cara e che è ormai una delle certezze della sala di via Frediano Cavara.

Nel cast anche Mimma Lovoi e Enzo Nicolò. Una storia, raccontata senza parole superflue, che vorrebbe essere il ritratto di una cultura, di un’epoca, di una città. Il lavoro è ambientato negli anni Novanta, quelli della maturità artistica del protagonista, che si divideva tra Roma e Napoli. Il primo atto si svolge nella sua casa della capitale.

In scena un letto, uno scrittoio, un separé, un vecchio grammofono, qualche libro e un vecchio baule dove l’artista conserva strumenti musicali, testi di canzoni antiche, foto, dischi.

Nel secondo atto, ambientato a Napoli, si va verso il triste epilogo. «In questa seconda parte Antonio è spesso nell’angolo ai piedi del letto o riverso a faccia in giù con le braccia penzoloni, ma dentro di sè ha ancora il fuoco sacro della musica», spiega Gaetano Liguori, «ma la sua vita troppo breve l’abbiamo fatta raccontare soprattutto dalle canzoni arrangiate da Antonello Cascone, da “Carlucciè”, a “Nupenziero”, da “Io vivo dove c’è il mare” a “Assaie”, passando per la “Tammurriata rap” in cui la voce solista è proprio quella di Antonio, registrata, che intona il brano con il supporto live di Massimo e Francesca.

Un momento di grande emozione. Sorrentino era uno degli straordinari  talenti espressi da questa città, cantante, attore, artista vero. Ma soprattutto una magnifica persona».

Stefano Prestisimone  -  Il Mattino

 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
  Napoli
Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore
Gli scavi archeologici de "La Neapolis Sotterrata" si trovono all'interno del Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore, nel cuore del centro storico di Napoli in Via dei Tribunali, 316 adiacente Piazza San Gaetano e San Gregorio Armeno.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
20 giugno   Napoli
White Summer 2019
Ritorna White Summer, la festa più glamour dedicata al solstizio d'estate firmata Gambero Rosso
Un benvenuto all'estate con l'evento all'insegna del colore bianco: 
da bere, da gustare e da ascoltare.
L'esperienza multisensoriale si completa con speciali allestimenti a tema e, per godere al massimo della serata ed esserne parte integrante, è consigliabile dress code bianco.

Prezzi da:
€ 25.00
ACQUISTA
12 Luglio 2019   Avella
SNARKY PUPPY - Immigrance Tour 2019 - Pomigliano Jazz in Campania XXIV edizione
Pomigliano Jazz in Campania XXIV edizione
Arriva in tour in Italia a luglio la band americana Snarky Puppy per presentare il suo nuovo album Immigrance, in uscita venerdì 15 marzo 2019 per l'etichetta GroundUP Music.

Cavea posti in piedi euro 25,00+3,00 prev. 
Gradinata numerata euro 28,00+3,00 prev.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA