AL TOTÒ: SORRENTINO E IL RACCONTO IN DUE ATTI DI UN TALENTO

Stava per toccare l’apice del suo percorso artistico, Antonio Sorrentino, quando nel 1998 morì a soli 38 anni. Un talento naturale amato da Pupella Maggio, che gli produsse vari spettacoli, e Roberto De Simone che lo volle in «Dedicato a Maria» e «L’opera dei centosedici».

Napoli non l’ha mai dimenticato, Valentina Stella ha cantato quasi ogni sera da allora il suo cavallo di battaglia «’Nu penziero», un premio ne ha ricordato la carriera capace di passare dalle tammurriate al teatro, dalla tradizione alla modernità.

 Ora, a 18 anni dalla scomparsa la sua figura è in scena al teatro Totò, dove, fino a domenica, a raccontarlo ci pensa «Io vivo dove c’è il mare», spettacolo di prosa e musica scritto da Gaetano Liguori e Massimo Abate che prende il titolo proprio da un’altra delle canzoni simboli di Sorrentino.

Protagonisti Massimo Masiello (nella foto), nel ruolo del cantattore scomparso, e Francesca Marini, che interpreta la sua amica più cara e che è ormai una delle certezze della sala di via Frediano Cavara.

Nel cast anche Mimma Lovoi e Enzo Nicolò. Una storia, raccontata senza parole superflue, che vorrebbe essere il ritratto di una cultura, di un’epoca, di una città. Il lavoro è ambientato negli anni Novanta, quelli della maturità artistica del protagonista, che si divideva tra Roma e Napoli. Il primo atto si svolge nella sua casa della capitale.

In scena un letto, uno scrittoio, un separé, un vecchio grammofono, qualche libro e un vecchio baule dove l’artista conserva strumenti musicali, testi di canzoni antiche, foto, dischi.

Nel secondo atto, ambientato a Napoli, si va verso il triste epilogo. «In questa seconda parte Antonio è spesso nell’angolo ai piedi del letto o riverso a faccia in giù con le braccia penzoloni, ma dentro di sè ha ancora il fuoco sacro della musica», spiega Gaetano Liguori, «ma la sua vita troppo breve l’abbiamo fatta raccontare soprattutto dalle canzoni arrangiate da Antonello Cascone, da “Carlucciè”, a “Nupenziero”, da “Io vivo dove c’è il mare” a “Assaie”, passando per la “Tammurriata rap” in cui la voce solista è proprio quella di Antonio, registrata, che intona il brano con il supporto live di Massimo e Francesca.

Un momento di grande emozione. Sorrentino era uno degli straordinari  talenti espressi da questa città, cantante, attore, artista vero. Ma soprattutto una magnifica persona».

Stefano Prestisimone  -  Il Mattino


PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
Stagione 2024/2025   Napoli
Teatro Bellini - Abbonamenti Altre Formule
Mercurio 
Posto fisso e giorno fisso
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
Dal 10 Ottobre 2024   Napoli
Natale in Casa Cupiello - Vincenzo Salemme
di
EDUARDO DE FILIPPO
Regia di
VINCENZO SALEMME

con

Vincenzo Salemme in Luca Cupiello

Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
tutti i giorni   Napoli
Ospedale delle Bambole
Un luogo dove l'incanto dei bambini contagia gli adulti: la stanza delle meraviglie della storica bottega con il suo bambolatorio.

Prezzi da:
€ 3.51
ACQUISTA