AL TEATRO BELLINI "LACCI": LO SPETTACOLO DI SILVIO ORLANDO
La storia di un uomo che abbandona la moglie, che è logicamente arrabbiatissima ed impotente a rispondere a difficili domande

"Lacci" è il titolo dello spettacolo, di scena al Teatro Bellini di Napoli dal 6 dicembre, nell'interpretazione di Silvio Orlando per la regia di Armando Pugliese. Orlando ha debuttato in teatro, come musicista, quando, con una compagnia di giovani, suonò il flauto traverso. Ha lavorato poi con tanti registi, tra cui Carpentieri, Taiuti, fino ad incontrare Salvatores, che lo dirige in "Comedia Eldorado" e gli apre le porte del grande cinema in cui viene diretto, in tantissimi films, da registi quali Moretti, Lucchetti, Virzì ed altri. In teatro ha ottenuto ottimi successi in tandem con Angela Finocchiaro.
Ha interpretato personaggi importanti del Teatro italiano e non; in televisione ha partecipato a diverse trasmissioni che gli hanno dato una immensa popolarità. Nel corso della sua carriera ha vinto la Coppa Volpi al 65° Festival di Venezia, ed il Premio Pasinetti per il film "Il papà di Giovanna"; inoltre è stato vincitore di 2 David di Donatello, 2 Nastri d’argento, un Globo d'oro e 2 Ciak d’oro. L'autore di "Lacci" è stato professore nelle scuole medie, occupandosi principalmente del rapporto tra oralità e scrittura nell'insegnamento dell'Italiano. In seguito, entrato un po' nell'ambiente del cinema, ha scritto molti libri che qualche regista ha trasformato in opera filmica, dal 1993 ha scritto direttamente per il cinema. "Lacci" è la storia di un uomo che abbandona la moglie, che è logicamente arrabbiatissima ed impotente a rispondere a difficili domande.
I due si sono sposati giovani negli anni sessanta, per un certo anelito all' indipendenza, ma si sono ritrovati a trent'anni con un mondo cambiato intorno a loro e con una famiglia a carico (divenuto un segno di arretratezza, più che di autonomia). Ora lui se ne sta a Roma, in compagnia di una sconosciuta e Lei a Napoli, meditando su come il tempo modifica un po' il nostro agire e come tutti fallimenti ci sembrano insuperabili. Starnone ci racconta una storia emozionante di una fuga e di un ritorno. Il prossimo spettacolo, fissato per il 13 dicembre prossimo, è "Ivanov" di Anton Cechov per la regia di Filippo Dini.

Federico Orsini  -  Il Gazzettino Vesuviano


PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
dal 25 maggio al 31 dicembre 2024   Napoli
Il Sacro telo - la Sindone
Attraverso un percorso articolato, con 5 installazioni principali, si vuole proporre la riflessione sulla Passione di Gesù di Nazareth come tramandata dagli Evangelisti, dalla crocifissione alla Tomba vuota. L'unico oggetto che, ad oggi, ci rimanda ai racconti evangelici in maniera puntualmente speculare è il telo di lino che nella tradizione della pietà popolare cristiana viene venerato come la Sindone nella quale fu composto il corpo di Gesù. La Passione di Gesù ha da sempre generato grande interesse, per comprendere la misericordia di Dio. Infiniti sono gli scritti come infinite sono le raffigurazioni di Gesù e dei personaggi del suo tempo nell'arte. La Sindone, fin dalla sua comparsa in Europa, ha contribuito alla ricerca del volto di Dio da parte di ogni credente attraverso la contemplazione dei racconti evangelici della Passione.
Prezzi da:
€ 11.00
ACQUISTA
27 luglio 2024   Roma
Tedua
A calcare il palco di Rock in Roma sarà l'artista rivelazione del 2023, ancora ai vertici delle classifiche discografiche: TEDUA si esibirà all'Ippodromo delle Capannelle con i suoi successi, attraverso i gironi percorsi ne La Divina Commedia e di tutta la sua carriera.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
5 luglio 2024   Roma
Bruce Dickinson
Grande ritorno in Italia per Bruce Dickinson. Il frontman degli Iron Maiden darà alle stampe il suo nuovo disco "The Mandrake Project" nel nuovo anno e annuncia oggi le date del tour europeo a supporto dell'album.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA