AL PICCOLO BELLINI: UNA ZITELLA SOSPESA FRA GRIGIORE E DELIRIO

Questa Ida – la Ida che compare nell'allestimento di «Week-end» di Annibale Ruccello in scena nel Piccolo Bellini - da un lato si caccia in bocca con le mani le fette di prosciutto appena comprate e dall'altro ascolta, con maniacale costanza, raffinatissime canzoni francesi. 

E basterebbe una simile invenzione a dimostrare come la regia di Luca De Bei centri direttamente, e sul filo di un'eclatante plasticità, il cuore profondo del testo. 

Infatti, il personaggio di Ida - una zitella zoppa venuta a Roma da un paesino del Sud e che, per arrotondare il magro stipendio di professoressa di lingue, s'industria a dare ripetizioni d'italiano - ha due facce: quella, insignificante, disegnata sul grigio tessuto delle abitudini quotidiane e quella, inquietante, di una virago assatanata che, a metà fra la Cianciulli e la Bette Davis di «Che fine ha fatto Baby Jane?», assassina (forse) i suoi giovani e occasionali amanti, l'idraulico Narciso e lo studente Marco. 

Ida rappresenta, quindi, uno dei più emblematici fra i personaggi di Ruccello, che lui stesso definì «figure deportate»: deportate, è ovvio, dalla loro cultura originaria e autentica, fino ad essere private dell’identità. 

Si tratta, allora, di personaggi prigionieri di una solitudine immedicabile, ai quali vengono offerte le sole vie di fuga del delirio e del rifugiarsi, come in una corazza protettiva, giusto nel recupero sia pur provvisorio della propria appartenenza culturale (vedi la favola della «signora co lo zampone», una favola-incubo ad alta e lucidissima stratificazione linguistica che, non a caso, Ida prende a raccontare quando l’assale il terrore d’essere stata scoperta). Ebbene, Luca De Bei illustra un tale quadro praticando in pari tempo un realismo che (a partire dall'insistere sulle cadenze dialettali) si nega per accumulo e (consideriamo quella Ida che accarezza la borsa degli attrezzi di Narciso come se fosse il corpo di lui) la rarefazione simbolica. E al centro di tutto, poi, si colloca - tanto crudele quanto innocente - la straordinaria Ida di Margherita Di Rauso. 

Sì, sono bravi pure Giulio Forges Davanzati (Narciso) e Gregorio Valenti (Marco). Ma lei, Margherita, è una cosa assolutamente diversa: sospesa fra melodramma e strazio, trasforma le sue parole in carne e sangue. E così le sentiamo nostre, con l'illusione di sempre che - nei minimi interstizi fra l’una e l'altra di quelle, come nei sussulti della coscienza fra l'uno e l'altro giorno - possa per ipotesi accamparsi la vita.

Enrico Fiore   -  Il Mattino


 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
  Napoli
Museo Cappella Sansevero
Mercoledì - Domenica: 9:00 - 19:00
Ultimo ingresso consentito 30 min. prima della chiusura
Chiuso lunedì e martedì

Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 25 dicembre 2020   Napoli
EXTRA FELICITA' TOUR - ALESSANDRO SIANI
Il nuovo grandissimo e divertentissimo spettacolo di Alessandro Siani al teatro Diana di Napoli per Natale 2020. Acquista già il tuo biglietto per non perderti l'opportunità di assistere ad un divertentissimo spettacolo!!

Vendite temporaneamente sospese in attesa del nuovo calendario.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
 
Be Card
Con Be Card potrai scegliere tra tutti gli spettacoli in programmazione nell'ambito del Piano Be: prosa, danza, musica, progetti speciali, tutti i generi, tutti i giorni, tutti gli orari! 
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA