AL BELLINI QUEL «PAZZO» CHE SI RITROVA COME COMPLICE LO PSICHIATRA
Lo spettacolo - l'allestimento dell'«Enrico IV» pirandelliano in scena al Bellini per la regia di Franco Branciaroli - finisce con il dottor Genoni che va a mettere la corona imperiale sulla testa del personaggio protagonista assiso in groppa a un cavalluccio da giostra: in breve, è proprio lo psichiatra chiamato dal nipote a guarire dalla presunta pazzia Enrico IV colui che capisce tutto, sino, addirittura, a farsi complice dell'irridente «malato». 
E aggiungo, senz'alcun dubbio, che raramente avevo visto, nelle messinscene di quel capolavoro, invenzioni di tale pregnanza. Infatti, il vero tema di «Enrico IV» non è la follia, giacché la follia, quella reale, s'è consumata tutta nei vent'anni anteriori: qui siamo, insieme, alla meta follia (alla rappresentazione della folliae/o alla follia come rappresentazione) e all'«epoché», alla sospensione della vita. 
Poiché l'argomento decisivo del testo in questione-ricorrente nell'intera opera del drammaturgo di Girgenti, ma nella circostanza esibito con il rigore di un teorema – è il tentativo disperato di fissare la vita, ch'è un susseguirsi di momenti di disgregazione (per giunta slegati l'uno dall'altro), in una forma unica, data per sempre e per sempre riconoscibile. 
Basta a dimostrarlo la battuta che Enrico IV rivolge proprio a Genoni, fingendo di scambiarlo per l'abate Ugo di Cluny: «Monsignore, però, mentre voi vi tenete fermo, aggrappato con tutte e due le mani alla vostra tonaca santa, di qua, dalle maniche vi scivola, vi scivola, vi sguiscia come un serpe qualche cosa, di cui non v'accorgete. Monsignore, la vita! E sono sorprese quando ve la vedete d'improvviso consistere davanti, così sfuggita da voi...».  
Ecco il punto: per il personaggio chiamatosi Enrico IV la forma di cui sopra è, appunto, l'immutabile ruolo dell'imperatore medievale; e la sua personale «sorpresa» la vita gliela infliggerà quando lo spingerà ad uccidere - veramente, non più come Enrico IV – il barone Belcredi. 
Allora non gli resterà che tornare a chiudersi (o,meglio,a murarsi, proprio come in un avello) nella forma prescelta. E di qui la non meno decisiva e inequivocabile battuta finale rivolta ai finti Consiglieri Segreti: «Ora sì... per forza... qua insieme, qua insieme...e per sempre!». 
A me, invece, non resta che sottolineare quanto Branciaroli (Enrico IV, ovviamente) sia bravo anche come attore. E accanto a lui citerei Antonio Zanoletti, un Genoni che a un certo punto – altra invenzione capitale-vediamo intento a...imbastire costumi!

Enrico Fiore  -  Il Mattino

 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
dal 1 marzo 2018   Napoli
Visita al Consevatorio S. Pietro a Majella
Il Conservatorio S.Pietro a Majella è un istituto superiore di studi musicali fondato nel 1808. È situato nell'ex Convento dei Celestini annesso alla chiesa di S. Pietro a Majella sorta sulle rovine di due chiesette duecentesche all'estremità del decumano maggiore. 
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
  Napoli
Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore
Gli scavi archeologici de "La Neapolis Sotterrata" si trovono all'interno del Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore, nel cuore del centro storico di Napoli in Via dei Tribunali, 316 adiacente Piazza San Gaetano e San Gregorio Armeno.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
  Napoli
Museo Cappella Sansevero
Tutti i giorni: 09:00 - 19:00
Sabato: 9:00 - 20:30 (da maggio a dicembre 2019)
Ultimo ingresso consentito 30 min. prima della chiusura
Chiuso il martedì
Situato nel cuore del centro antico di Napoli, il Museo Cappella Sansevero è un gioiello del patrimonio artistico internazionale. Creatività barocca e orgoglio dinastico, bellezza e mistero s'intrecciano creando qui un'atmosfera unica, quasi fuori dal tempo.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA