AL BELLINI: CON GLASPER IL JAZZ RITORNA SUONO FISICO, ANZI DANZA
A chi si chiedeva come Robert Glasper possa portare in giro i materiali dei suoi due acclamati dischi della sere «Blackradio» senza il profluvio di vocalist e rapper impiegati il concerto ha risposto senza tema di smentite: magnificamente bene. 
Non che «Let it ride» non si sarebbe vestita di altro se corredata della voce di miele e velluto di Norah Jones o che il flow di Common e Patrick Stump non avrebbe aggiunto lava di fuoco e metrica assassina alla blaxploitation di «I stand alone», ma quello regalato dal progetto Experiment è davvero un'esperienza jazz, capace di improvvissare sul fraseggio delleader, sospeso nel blues dipinto di blues. 
Il fenomenale Mark Colenburg (batteria), Casey Benjamin (sassofono, voce, vocoder, keytar) e Burniss TravisII (basso) sono complici preziosi per un’immersione nella great black music di ieri e di oggi.
Jazz, ma ancor più soul e rhythm and blues e funky sono i suoni frequentati, dell’hip hiop c’è lo spirito e qualche ritmica più serrata e sghemba, ma anche la costruzione intorno aloop, di tastiera o vocali. Benjamin filtra e distorce la sua voce cercando ora borborigmi spaziali ora falsetti impossibili. Ma è il leader che detta la linea, trovando frasi melodicamente uncinanti o scegliendo di battere percussivamente sui tasti. 
Al repertorio di propria scrittura l’uomo di Houston aggiunge «Tell me abedtime story» di Herbie Hancock, «Lovely day» di Bill Whiters, «Findaway» degli A Tribe Called Quest, ma anche la «bianchissima» «Smells like teen spirit» dei Nirvana, in una versione entusiasmante, quanto lontanissima dall’originale, sospesa tra Prince e i Crusaders. Ma c'è anche «Untitled 05», uno dei sorprendenti brani del recentissimo ep di Kendrick Lamar. 
Il teatro, pieno, gradisce, applaude gli assoli, tiene il tempo e canta in coro. Il jazz ritrova le sue radici fisiche, il suo ruolo primigenio di musica per il corpo, di messaggio sessuale, ma non rinuncia a raccontarsi come un linguaggio in divenire, capace di riflessioni oltre che di danze. 
Mister Glasper è un riformista non un rivoluzionario, il suo sound rinuncia a ogni furore iconoclasta, conosce il senso del mainstream più del visionario apporto del p-funk, ma ha groove e melodie da vendere, sa ripartire dall'eterno tema di «When I fall in love» per arrivare a ben più moderni approdi. 
E, c'è da scommetterlo, dopo questo successo, Cesare Settimo non farà fatica a riportarlo a Napoli, anche presto, anche in location numericamente più accoglienti.
 
Federico Vacalebre  -  Il Mattino.

 
 
 

PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
Dal 6 al 15 dicembre   NAPOLI
Dr. Nest
di Fabian Baumgarten, Anna Kistel, Björn Leese, Benjamin Reber, Hajo Schüler, Mats Suethoff, Michael Vogel
con Anna Kistel, Björn Leese, Benjamin Reber, Hajo Schüler, Mats Suethoff
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
da mercoledì 13 Novembre 2019   NAPOLI
Ditegli sempre di si
con Gianfelice Imparato, Carolina Rosi

regia ROBERTO ANDO’
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 29 al 31 gennaio   Caserta (ce)
La Fabbrica dei Sogni
TEATRO LENDI
Regia Sal Da Vinci
Scritto da Sal Da Vinci e Ciro Villano
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA