UNA SERATA CON ALBERT CAMUS
23 e 24 giugno 2018

Regia di Renato Carpentieri
23, 24 giugno: Due appuntamenti giornalieri
LA CADUTA, Institut Franҫais de Naples Grenoble, ore 18 
IL MALINTESO, Galleria Toledo, ore 21 

un progetto di Renato Carpentieri
con (o.a.) Renato Carpentieri, Ilaria Falini, Valeria Luchetti, Maria Grazia Mandruzzato, Fulvio Pepe
scene Arcangela Di Lorenzo costumi Annamaria Morelli disegno luci Cesare Accetta
musiche Federico Odling
direzione di scena Amedeo Carpentieri
assistente alla regia Serena Sansoni
produzione Associazione culturale "IL PUNTO IN MOVIMENTO"

//23 e 24 giugno 2018 - Galleria Toledo di Napoli
Galleria Toledo - Il Malinteso
//23 e 24 giugno 2018 - Institut français de Naples Grenoble di Napoli
Institut français de Naples Grenoble - La Caduta
Puoi acquistare questo evento anche presso:
TicketOnLine c/o Feltrinelli
c/o libreria La Feltrinelli via s.Caterina a Chiaia 23 angolo P.zza dei Martiri - Napoli
Tel. 081 0322362
Mappa
Bar Imperiale
via Francesco Galeota, 21 - Napoli
Tel. 081 2393955
Mappa
vedi tutti gli altri punti vendita
Altri dettagli dell'evento:
LA CADUTA, Institut Franҫais de Naples Grenoble, ore 18

Il primo appuntamento si svolge nel tardo pomeriggio nei giardini dell'Istituto di cultura Francese e ha per protagonista Renato Carpentieri che inventa una riduzione per la scena del romanzo "La caduta" di A. Camus, con l'accompagnamento al violoncello di Federico Odling. 
Pubblicato nel 1956, un anno prima che Camus ricevesse il Premio Nobel e quattro anni prima della sua morte, "La caduta" è un notevolissimo monologo in cui un ex-avvocato di successo fa, da virtuoso, una confessione pubblica. Si accusa per lungo e per largo con ironia e sarcasmo, di colpe, di debolezze, di egoismi, moltiplicando sfumature e digressioni, per costruire una maschera in cui tutti possano arrivare a riconoscersi e a giudicarsi. È Giudice penitente. Ma questo progetto, portato avanti con tenacia, si scontra con la nostalgia dell'innocenza e dell'abbandono.

IL MALINTESO, Galleria Toledo, ore 21

"Il Malinteso" si trova l'essenziale dei temi cari a Camus: la solitudine dell'uomo, le sue aspirazioni alla gioia, i suoi appelli all'amore, l'esilio, il suo desiderio folle di felicità che gli è negata da un Dio, irriconoscibile e indifferente, separato dalla sua creazione, la rivolta contro un universo che non è a sua misura. Senza dimenticare che la rivolta (lo slancio verso le terre del sole, che simboleggia l'aspirazione a raggiungere una Bellezza che sempre di più la grigia civiltà del XX secolo rifiuta agli uomini) deve imporsi dei limiti: prima di tutto il rispetto della vita umana. La storia è una variante di una vecchia leggenda popolare, quella del soldato ricco di un grosso bottino al ritorno dalla guerra e ucciso dai suoi parenti. O altrimenti il figliuol prodigo: "Il Malinteso" rovescia la parabola dei Vangeli mostrando il fallimento tragico di quel ritorno. Jan, dopo molti anni di lontananza, torna nella sua casa natale, da sua madre e sua sorella che non lo riconoscono e, sopraffatte da una vita meschina e miserabile, finiscono per uccidere quello che per loro è solo un cliente del loro albergo, per derubarlo. L'assurdità della situazione dei personaggi (in particolare di Jan, maldestro zimbello di un destino che ha contribuito a forgiare) all'interno di quest'albergo che, spogliato da ogni effetto di realismo per farne un luogo simbolico, paese cupo del Nord-Europa, si richiude su essi come una trappola, è evidenziata dallo stesso titolo della pièce. 'Tutta la sventura degli uomini deriva dal fatto che non usano un linguaggio semplice. Se l'eroe del Malinteso avesse detto: "Eccomi, sono io e sono vostro figlio", sarebbe stato possibile il dialogo, non più fondato sul nulla come nel dramma (...). Ciò che fa da contrappeso all'assurdo è la comunità degli uomini in lotta contro di esso...', nota Camus nei suoi Taccuini verso la fine del 1945.

 
 
 
PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
dal 09 al 14 aprile 2019   Napoli
La classe operaia va in paradiso
Teatro Bellini
regia Claudio Longhi

liberamente tratto dal film di Elio Petri
drammaturgia Paolo Di Paolo
con Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell'Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Franca Penone, Simone Tangolo, Filippo Zattini


Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 06 al 25 novembre 2018   Napoli
Fronte del Porto
Teatro Bellini
uno spettacolo di Alessandro Gassmann

di Budd Schulberg con Stan Silverman
traduzione e adattamento Enrico Ianniello
con Daniele Russo e 11 attori da definire
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 22 al 27 gennaio 2019   Napoli
Così è (se vi pare)
Teatro Bellini
di Luigi Pirandello

regia Filippo Dini

con (in ordine alfabetico) Francesca Agostini, Mauro Bernardi, Andrea Di Casa, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Ilaria Falini, Mariangela Granelli, Orietta Notari, Maria Paiato, Nicola Pannelli, Benedetta Parisi


Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA