TRILOGIA DELL'INDIGNAZIONE
12 giugno 2018

Cortile delle Carrozze

Contro il Progresso, Contro l'Amore, Contro la Democrazia
di Esteve Soler
regia Giovanni Meola
con Roberta Astuti, Sara Missaglia, Enrico Ottaviano, Chiara Vitiello e Giovanni Meola
produzione Virus Teatrali

Puoi acquistare questo evento anche presso:
TicketOnLine c/o Feltrinelli
c/o libreria La Feltrinelli via s.Caterina a Chiaia 23 angolo P.zza dei Martiri - Napoli
Tel. 081 0322362
Mappa
Bar Imperiale
via Francesco Galeota, 21 - Napoli
Tel. 081 2393955
Mappa
vedi tutti gli altri punti vendita
Altri dettagli dell'evento:
Il catalano Esteve Soler è uno dei drammaturghi più tradotti e rappresentati al mondo da un decennio a questa parte. La sua Trilogia dell'Indignazione è stata tradotta in diciotto lingue e rappresentata in mezzo mondo dal 2008 in poi (con quasi 100 diversi allestimenti realizzati finora.
Questa sua prima Trilogia (ne ha infatti scritto una seconda, la Trilogia della Rivoluzione) ha assorbito la lezione di Beckett, di Ionesco (e anche del miglior Bunuel), ma non solo. In questa drammaturgia surreale, nera, ironica, grottesca e disturbante, ma anche piena di pietas, c'è tutta la trasformazione antropologica, sociale, mediatica e geopolitica che noi stiamo vivendo in diretta e sulla nostra pelle in questo periodo storico, senza forse rendercene pienamente conto. La sua scrittura, invece, se ne rende perfettamente conto e ne dà conto in questi 21 atti unici di cui è composta la Trilogia.
Sì, perché la frammentazione e l'iper-voracità dell'informazione visiva, e orale, dei nostri tempi, viene tradotta in ciascuno dei tre lavori (con titoli fortemente icastici: Contro il Progresso, Contro l'Amore e Contro la Democrazia), in 7 brevi atti unici apparentemente lontani, sconnessi, variegati, ma in realtà intimamente legati, proprio come sono legate istanze ed accadimenti, apparentemente lontani, sconnessi e variegati, delle nostre vite di tutti i giorni. 
Soler crea una serie di micro-mondi nei quali si passa, repentinamente a volte ma mai superficialmente, dalla risata alla tragedia, dal paradosso al melodramma. Sbugiardando costantemente il luogo comune e senza avere mai alcuna verità da propinare.
«Perché, da drammaturgo, si decide di rappresentare un altro drammaturgo? - si chiede Giovanni Meola -. In primo luogo, per una consonanza di temi, umori, scarti di scrittura. Da diversi anni vedo e leggo teatro straniero, qui o all'estero, per poter verificare lo stato delle cose a seconda delle diverse latitudini. La scrittura di Soler l'ho sentita immediatamente vicina e anche lontana. Vicina, appunto, per temi, incastri, umori e spiazzamenti. Lontana per una frammentazione drammaturgica che non siamo molto abituati a frequentare nel nostro paese ma ancor più affascinante come sfida per una messinscena. In secondo luogo perché ho sentito forte l'esigenza di confronto con un artista della mia stessa generazione e di un altro paese, ma di questa stessa Europa, cuore fibrillante di una deriva di cui noi siamo allo stesso tempo vittime e carnefici. La sfida di mettere in scena poi, con la complicità di un cast di notevoli attori, sette (e poi quattordici e poi ventuno) micro-atti unici, regala a questo progetto un valore aggiunto, in quanto a difficoltà ma anche e soprattutto in quanto a potenziale soddisfazione. Aggiungiamoci, per finire, il piacere di portare per la prima volta in Italia (grazie alla concessione dei diritti da parte dell'autore stesso) questi lavori, rappresentati in non so quanti paesi al mondo finora ma mai dalle nostre parti».

 
 
 
PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
dal 18 dicembre 2018   Napoli
Così parlò Bellavista
Teatro Diana
GEPPY GLEIJESES con MARISA LAURITO, BENEDETTO CASILLO
Così parlò Bellavista
dal film e dal romanzo di Luciano De Crescenzo
adattamento teatrale di Geppy Gleijeses
con NUNZIA SCHIANO e con Gianluca Ferrato
Salvatore Misticone Elisabetta Mirra ed altri cinque attori 


Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
25 ottobre   Napoli
Concerto inaugurale
P. Hindemith  Cinque pezzi per orchestra d'archi op 44 IV  ,
A.Piazzolla Invierno porteño per violino e archi ,
D. Sostakovic Cinque pezzi per due violini e archi*,
F. Schubert SINFONIA n. 3 in re maggiore, D. 200
Adagio maestoso - Allegro con brio,  Allegretto,
Menuetto: Vivace, Presto vivace

Prezzi da:
€ 14.00
ACQUISTA
dal 26 febbraio al 04 marzo 2019   Napoli
La notte poco prima delle foreste
Teatro Bellini
di Bernard-Marie Koltès

regia Lorenzo Gioielli

traduzione Giandonato Crico, Pierfrancesco Favino
adattamento teatrale Pierfrancesco Favino
con Pierfrancesco Favino

Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA