MAY HE RISE AND SMELL THE FRAGRANCE
24 giugno 2018

Teatro Trianon Viviani

coreografia Ali Chahrour
interpretazione Hala Omran, Ali Chahrour
musica Two or The Dragon (Ali Hout, Abed Kobeissy) drammaturgia Junaid Sarieddeen
luci Guillaume Tesson
suono Khyam Allami 
con il sostegno di Institut français du Libanco
produzione fabrik Potsdam con il sostegno di Goethe Institut, AFAC Arab fund for arts and culture
collaborazione Houna Center compagnie de théâtre Zoukak, Institut français de Beyrouth, Al Akhbar journal L'orient le jour, Montevideo création contemporaines (Atelier de fabrique artistique), les rencontres à l'échelle
Puoi acquistare questo evento anche presso:
TicketOnLine c/o Feltrinelli
c/o libreria La Feltrinelli via s.Caterina a Chiaia 23 angolo P.zza dei Martiri - Napoli
Tel. 081 0322362
Mappa
Bar Imperiale
via Francesco Galeota, 21 - Napoli
Tel. 081 2393955
Mappa
vedi tutti gli altri punti vendita
Altri dettagli dell'evento:
Il giovane coreografo libanese Ali Chahrour ha fatto scalpore all'ultimo Festival d'Avignon con Fatmeh e Leila's death, due spettacoli che traggono ispirazione dalla memoria collettiva araba.
In un contesto sociale, politico e religioso in cui il corpo è spesso oggetto di censura, Chahrour affronta gli attuali modelli di mascolinità e la superiorità che spesso viene loro attribuita. Con un danzatore, due musicisti e un'attrice, si ispira ai rituali legati al lutto, in cui le donne sono abitualmente destinate alle lamentazioni. Rivisitando tradizioni saldamente ancorate nel mondo arabo, Ali Chahrour indaga nell'archeologia del sensibile, arrivando a cogliere i segreti dell'antica terra della Mesopotamia.
Nell'Istituto nazionale di Belle Arti di Beirut, dove Ali Chahrour viene ammesso nel 2008, la "danza drammatica", l’unica disciplina coreografica presente nelle scuole del Libano, viene insegnata al secondo anno. Ancora studente, Ali Chahrour cerca di diversificare la propria formazione partecipando spesso a stages e ateliers. Durante questo periodo, il giovane danzatore impara a "lottare per creare" e abbozza il suo primo lavoro, Sur les lèvres la neige, un duo in cui si interroga sulla fine dell'amore, che presenta subito dopo il diploma a Beirut e nei Paesi Bassi nel 2011. L'anno dopo crea Danas che "studia la violenza quotidiana subita dal corpo", primo passo verso un'estetica che decide di costruire, "senza compromessi", nel contesto sociale, politico, religioso libanese: rifiuto dei corpi formattati della danza contemporanea occidentale a favore di un corpo che "ha dimenticato i grandi racconti del mondo arabo". Le sue ultime creazioni, Fatmeh, Leila's death e May he rise and smell the fragrance indagano i riti sciiti e le loro metamorfosi contemporanee.

 
 
 
PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
dal 18 Dicembre 2018   Napoli
CAFÈ CHANTANT SPARKLING EDITION
Sono trascorsi ventitre anni dalla prima edizione di quello che sarebbe diventato uno degli spettacoli di punta del nostro teatro, l’amatissimo “Cafè Chantant”.
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
Martedì 12 marzo 2019   Napoli
QUARTETTO ARTEMIS
Teatro Sannazaro - ore 20.30

Samuel Barber - Adagio per quartetto d'archi n. 1 op. 11;
Benjamin Britten - Quartetto n. 2 in do op. 36;
Franz Schubert - Quartetto in re minore D. 810 "a morte e la fanciulla"
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 28 novembre 2018   Napoli
ANGELO PINTUS Destinati all'estinzione
Teatro Diana

Fuori abbonamento


Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA