FESTA DEI TEATRI SALERNO, CULTURE PER LA SOCIALITÀ
27 luglio ore 21

Area aperta Ghirelli
MANIFESTO DI CITTADINANZA VENTIVENTI
con Teresa Pepe, Fatima Mutarelli, Giacomo D'Agostino, Salvatore Criscuolo, Ciro Mollo, Mario Rotolo, Enzo Peluso, Annamaria Avagliano, Antonino Baldi, Francesco Palladino, Michela Chirico, Marzia Brighenti, Nicola Paolelli, prof. Giuseppe Lissa, prof. Ernesto Scielza, prof. Piero Lucia
27 luglio ore 21 Palazzo Venezia di Napoli
Palazzo Venezia - Posti Numerati
Puoi acquistare questo evento anche presso:
TicketOnLine c/o Feltrinelli
c/o libreria La Feltrinelli via s.Caterina a Chiaia 23 angolo P.zza dei Martiri - Napoli
Tel. 081 0322362
Mappa
Bar Imperiale
via Francesco Galeota, 21 - Napoli
Tel. 081 2393955
Mappa
vedi tutti gli altri punti vendita
Altri dettagli dell'evento:

Il progetto Festa dei Teatri Salerno (ftS) – Culture per la socialità si propone di stimolare la comunità alla riflessione critica e costruttiva sulla bellezza e la potenza produttiva della solidarietà.

Attori, allievi attori, danzatori, musicisti e docenti di filosofia faranno corpo unico nella partitura scenica disegnata dal regista e attore Marco Dell’Acqua. La composizione nasce per “resistere” in una Piazza Aperta.
Insieme allo spettatore, protagonista “affettivo” dell’evento, si celebrerà la centralità del ruolo del “cittadino” per l’avanzamento progressivo dell’intera comunità.
Momenti di vita reale ed irreale daranno voce alla necessità di costruire un rinnovato rapporto con il concetto di “dovere”. Inteso particolarmente come responsabilità individuale, per svelarne quella parte significativa, fin troppo trascurata, di apertura responsabile alla, doverosa, cura del benessere del prossimo da sé e del beneficio comune che consegue al rispetto di questa “regola”, quando condivisa, perché funzionale al successo collettivo.
Manifesto di Cittadinanza sottolinea un preciso dovere: l’obbligo d’Amare, ovvero  “dare”, meglio ancora darsi, senza se e senza ma, senza smorfie e senza chiacchiere, in contrasto dichiarato alla speculazione strumentale ed alla falsificazione in atto di quell’idea di “libertà individuale” impiegata fin troppo spesso per celare o giustificare un diffuso “menefreghismo” nei confronti del prezioso Bene Comune.
L’interpretazione frettolosa del significato di “libertà” fomenta il lamento egoistico, il canto dell’indifferenza, nutre la pigrizia, indebolisce il sentimento di fiducia tra le parti di una stessa comunità.
Solo il dovere d’Amare renderà il cittadino libero, libero dal diffuso senso di inadeguatezza personale, dalla crescente disaffiliazione e disumanizzazione del comportamento, dalla confortevole deresponsabilizzazione, dal vano narcisismo, dal godimento effimero, dal chiacchiericcio polemico assordante e dalla pretesa capricciosa egoistica e ceca, patologia tra le più gravi del nostro tempo.
In opposizione a tutte le forme di chiusure ostinate alle “Diversità”, unici luoghi della conoscenza possibile, “Manifesto di Cittadinanza” vuole raccontarci dello sguardo consapevole di una Comunità che sceglie di essere disponibile, aperta, solidale, visionaria, che lavora con forza e concretezza alla difesa dei diritti di tutti, nessuno escluso.
Teatri di Popolo, sedici attori e quattro musicisti, venti voci in tutto, aspirano a far vibrare la potente idealità indispensabile a condurci oggi, subito, ora, verso progetti di convivenza più innamorati tra le persone che abitano questo nostro meraviglioso pianeta.
Libertà è partecipazione sentimmo cantare; solidarietà è solidità ci insegna il vocabolario.

“La cittadinanza è terapeutica…”, osservava con lungimiranza, già nel 2002, il Cardinale Carlo Maria Martini, indicandoci con straordinaria lucidità la strada ed i criteri da perseguire per realizzare un’idea di Comunità che fosse solida, coraggiosa ed accogliente; richiamandoci alla scelta del gesto responsabile e convintamente aperto, il Cardinale Martini continuava asserendo:
“Siamo chiamati a immaginare e quindi a realizzare nella concretezza il profilo di una Città abitabile, dove non ci si senta indotti a vivere la paura dell’altro, ma semmai la gioia dell’incontro e il desiderio di sperimentare relazioni positive”.


 
 
 
PROSSIMI EVENTI DISPONIBILI
  Napoli
Museo Cappella Sansevero
Mercoledì - Domenica: 9:00 - 19:00
Ultimo ingresso consentito 30 min. prima della chiusura
Chiuso lunedì e martedì

Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
28 luglio ore 19   Napoli
TUTTE LE NOTTI DI UN GIORNO
Capodimonte - Casino della Regina (Porta Miano)
di Alberto Conejero
lettura drammatizzata con Claudio Di Palma, Marina Sorrenti
a cura di Instituto Cervantes
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA
dal 24 al 26 luglio   Napoli
TUR FOR' 'E VASC
Rione Sanità
progetto e regia Carlo Geltrude, di Mario Gelardi, Marina Cioppa, Noemi Giulia Fabiano, con Laura Borrelli, Agostino Chiummariello, Anna De Stefano, Lalla Esposito, Gennaro Maresca, Luciano Saltarelli
Prezzi da:
€ 0.00
ACQUISTA